Dhanvantari

L'Ayurveda, la scienza della vita, è il più antico e completo sistema di cura del mondo.

 

Il termine Ayu significa vita, il termine veda significa conoscenza. Il termine Ayu deriva da una parola Sanscrita che significa movimento. Quindi la vita è un un movimento che prende forma nel momento del concepimento, per procedere poi inesorabilmente attraverso stadi come l'infanzia, l'adolescenza, la gioventù, la vecchiaia e culminare in fine nella morte.
Questo movimento unidirezionale nel tempo, viene chiamato vita.

L'AYURVEDA è la scienza il cui scopo principale è di prolungare questo movimento il più possibile rendendolo scorrevole, cioè di donare ad una persona una vita lunga e sana, rigenerando l'energia vitale del corpo.

La combinazione di corpo fisico, degli organi di senso e di movimento, la mente, la coscienza, lo spirito e l'anima, viene definita "vita".

SUKHA AYU
è la vita caratterizzata dalla salute, da una condotta sana, libera da malattie, con un corpo sano e consapevole, durante la quale tutti i piaceri vengono goduti al massimo: cibo, abbigliamento, sesso ecc.

DUKHA AYU
una vita caratterizzata dalla prevalenza di malattie, dalla vecchiaia che devasta l'aspetto fisico, dallo scarso appetito, i quali portano alla miseria e alla sofferenza.
HITA AYU
è la vita fruttuosa e benefica di una persona che conduce un'esistenza ragionata considerando i pro e contro di ogni situazione, per poi arrivare ad una conclusione razionale; l' individuo è rispettoso e sviluppa inclinazioni spirituali, è dedito ad acquisire e diffondere la conoscenza.
AHITA AYU
una vita spesa ad esaudire i propri desideri egoistici, cedendo alla proprie emozioni come ira, gelosia, avidità, attaccamento ecc.

L'Ayurveda sostiene un punto di vista particolare: il benessere si ottiene trattando il corpo nel suo insieme; infatti, ogni persona viene considerata un'entità psicofisica unica, diversa da un'altra. Questo principio richiede necessariamente un trattamento sul piano personale.

Non esiste quindi uno standard, una regola, una rigidità sull'uso di determinati medicinali per certe malattie, ma sopratutto non si curano queste ultime separatamente, proprio perchè il paziente è visto come un tutt'uno (corpo, mente, spirito) e trattato nella sua totalità.

L'Ayurveda classifica l'individuo in tre tipologie: VATA, PITTA, KAPHA.

VATA (movimento):
regola tutte le funzioni, dando forma ai tessuti corporei e agli organi, assicura il movimento dei vari costituenti con la sua giusta quantità, qualità e funzionalità.
PITTA (trasformazione):
presiede la funzione della digestione e della conversione del cibo, dell'acqua, dell'aria e di vari impulsi, tutti secondo le loro proprietà naturali, convertiti in una forma adatta per il corpo; inoltre Pitta è responsabile per la conversione dei guna ( sattava, rajas , e tamas)
KAPHA (inerzia)
connette e controlla i vari organi o componenti del corpo, arresta l'attività catabolica e procura nutrimento ai tessuti del corpo.